Come la tecnologia ha cambiato il modo in cui gli artisti creano musica

218 Views

0 Comments

14 Ottobre 2022

I cambiamenti nella tecnologia modellano ogni aspetto della nostra vita. La musica non fa eccezione.

Quando si parla di tecnologia e cambiamento, sembra che le arti tendano a rimanere escluse. Eppure questi campi creativi devono sempre guadagnare o potenzialmente perdere a lungo termine. Un’area creativa che sembra essere costantemente influenzata dalle onde del battito della tecnologia è il mondo della musica.

Se ci pensi, tutti a un certo livello partecipano alla musica. Chi non ascolta la musica? Poiché le innovazioni nell’hardware e nel software hanno trasceso la cultura pop, la nuova tecnologia nella musica ha cambiato il modo in cui la ascoltiamo e il modo in cui la creiamo.

Dai sintetizzatori alle DAW (digital audio workstation) o dai lettori CD agli iPhone, il panorama della musica è cambiato ed è molto diverso dall’epoca dei tuoi genitori.

In un mondo dominato dal digitale, dagli strumenti digitali e dai flussi digitali, è tempo di fare un passo indietro e rivisitare alcune delle tecnologie che ci hanno portato a questo momento storico della musica, con la speranza di capire meglio in che direzione sta andando. Ecco alcuni dei più importanti pezzi di tecnologia nel mondo della musica.

Il fonografo

Torniamo indietro; molto indietro. Thomas Edison è noto per molto. Tuttavia, è spesso trascurato per la sua creazione del fonografo. In breve, il fonografo ha portato la musica nei salotti delle persone di tutto il mondo. Inventata nel 1877, la musica era solitamente riservata a spettacoli dal vivo per l’élite nelle sale da ballo o concerti.

Pensa al fonografo come a qualcosa come il tuo primo sistema musicale, lettore di vinile o persino sistema audio per lettore MP3. Il fonografo è stato il primo dispositivo in grado di riprodurre il suono registrato, incoraggiando anche l’ascesa di popolarità a una miriade di generi come il jazz e il blues.

La chitarra elettrica

Dove saremmo senza la chitarra elettrica? O forse una domanda migliore, quante delle tue canzoni preferite includono una chitarra elettrica? Creata nel 1941 da Les Paul, non sapeva che il suo strumento avrebbe cambiato per sempre il panorama musicale. Come probabilmente già saprai, la chitarra elettrica ha contribuito a dare vita a una nuova era nel rock’n’roll.

Il suono new age dello strumento elettrico, unito alla sua facilità d’uso, lo ha reso un punto fermo per i musicisti emergenti che cercano di sfidare i suoni esistenti nel mondo della musica. Pensa a dove sarebbe il tuo artista preferito senza la creazione della chitarra elettrica.

Registrazione multi-traccia

Qualcosa che è facilmente dato per scontato, la registrazione multitraccia era come l’introduzione del razzo per viaggiare nello spazio nel regno della musica. Anche se è difficile immaginare un momento del genere perché ora è tutto digitale, musicisti e ingegneri del suono hanno dovuto registrare un brano completo in una sola ripresa.

La registrazione multitraccia ha consentito di suddividere i brani in sezioni, un pezzo alla volta, consentendo più spazio per la sperimentazione e il tempo per perfezionare brani e album.

Senza l’uso della registrazione multi-traccia, i tuoi album pop preferiti probabilmente non sarebbero mai stati registrati. Pensa se i Queen non avessero mai messo insieme nessuno dei loro capolavori. Si Esattamente.

Effetti a pedali

Anche se può essere strano pensarci ora perché la maggior parte di questi effetti può essere ricreata digitalmente, i pedali degli effetti erano l’avanguardia quando sono stati introdotti nel mondo della musica. Come suggeriscono i loro nomi, i pedali per effetti hanno permesso ai musicisti di aggiungere alla loro musica effetti come distorsione, riverbero e chorus, a diversi componenti di una traccia.

I pedali per effetti hanno persino permesso agli artisti di aggiungere un’altra dimensione alle esibizioni musicali; regna per sempre nei festival musicali e negli studi dal vivo.

Il sintetizzatore

Probabilmente lo avevi previsto e se stai leggendo questo articolo potresti persino possedere alcuni sintetizzatori nel tuo studio di casa. La creazione del sintetizzatore è nata dal desiderio di creare o addirittura replicare gli enormi suoni che si trovano nelle orchestre dal vivo.

Originariamente con un prezzo astronomico, i sintetizzatori sono strumenti potenti con innumerevoli suoni che hanno letteralmente inaugurato decenni di tracce ondulate. Ecco una sfida per te. A testa alta, prova a nominare dieci canzoni pop di ogni decennio, a partire dagli anni ’70, che non incorporano sintetizzatori.

Il giradischi

Il fonografo 2.0? Non proprio. Ma il giradischi era un componente cruciale per uno dei generi, se non il più influente al mondo in questo momento, l’hip hop. Il dispositivo di riproduzione ha consentito agli aspiranti DJ di offrire le proprie prospettive sulle canzoni popolari, generando infine altri generi estremamente popolari come la techno e la musica house.

Controller MIDI

Se non hai un sintetizzatore, probabilmente hai un’interfaccia digitale per strumenti musicali o MIDI. Questa tecnologia consente agli utenti di collegarsi a un computer o un altro dispositivo musicale per suonare più strumenti elettronici contemporaneamente. Con un controller midi, puoi suonare il piano per un minuto, quindi passare a una chitarra o un’arpa senza saltare un colpo.

In breve, il MIDI ha consentito ai musicisti di avere accesso a una miriade di suoni che sarebbero altrimenti impossibili e troppo costosi da acquistare tutti in una volta.

Auto-Tune

Lo odi o lo ami, la sintonizzazione automatica ha cambiato il panorama della musica nel 20° secolo e quegli effetti si fanno sentire ancora oggi. L’introduzione del Vocoder ha permesso ai musicisti di piegare e manipolare la propria voce, quasi nella stessa misura di uno strumento. La sintonizzazione automatica è stata utilizzata in atti musicali da Kraftwerk a Kanye West.

Il Personal Computer

Questa è probabilmente una delle influenze più ovvie sulla musica, creando una serie di talenti da camera da letto, con alcuni che diventeranno delle superstar. Il PC consente a chiunque disponga di un computer di entrare nell’arena della musica e creare, senza uno studio o anche strumenti.